Chi siamo

 

Questa è la nuova pagina-web dell'Annuario del Calcio mondiale, la pubblicazione che ho ideato, fondato, realizzato insieme con alcuni amici entusiasti come me e diretto per diciannove anni: dal 1988 quando uscimmo per la prima volta,  al 2007,  quando il ritiro dell'Editore Cantelli dall'attività editoriale, ci relegò in un cantuccio come qualcosa di inutile.

Diciannove anni di interesse, di successo devo dire con un pizzico di orgoglio, di un legame coi lettori fattosi sempre più forte. visto che tutt'oggi, incontrandomi o scrivendomi, sono in molti a chiedermi perché. Perché  non siamo più in Edicola o in Libreria. Ed io a cercare di spiegare qualcosa che non riesco a capire, cioè come non ci sia in Italia un Editore in grado di continuare una pubblicazione che ha ottenuto tanti attestati di stima, tanti riconoscimenti, che ha venduto il giusto e che ha dato utili, non certo passivi.

Un abbraccio affettuoso a tutti voi

Salvatore Lo Presti

IL BLOG di Salvatore Lo Presti

Basta coi campionati al via  col mercato ancora aperto

 

      Mentre l’E.C.A. (il consorzio dei grandi club) tenta l’assalto al carrozzone, con l’obbiettivo di rendere la Champions League sempre più remunerativa per i grandi clubs, a costo di defraudare del loro immenso e fondamentale fascino i campionati nazionali, vera essenza del calcio, la F.I.F.A., per mano dell’I.F.A.B., attua delle piccole riforme al Regolamento di gioco che non provocano grandi trasformazioni.  

      L’unica innovazione interessante introdotta è la nuova codifica dei falli di mano in area che, praticamente abolendo il concetto di difficile applicazione della volontarietà, aggiunge il criterio, più facile da utilizzare, della posizione delle braccia: attaccate al corpo niente rigore (o gol valido se ci si riferisce ad un attaccante), braccia larghe o alte sempre rigore. Sarà più facile anche per il V.A.R., dove ci sia, intervenire in soccorso dell’arbitro.

   Renderà più fluido il gioco la possibilità di giocare la palla ancora dentro l’area in caso di rimessa da parte del portiere. Interessante anche la possibilità che il portiere si muova sui calci di rigore a condizione che un piede rimanga sulla linea di porta fino al momento in cui è stata calciata la palla.

    A questo punto però i dirigenti arbitrali mi dovrebbero spiegare (l’amico Rosetti non c’è riuscito) come mai agli ultimi mondiali di Russia è stata affidata la finale ad un arbitro, Pitana, che, nella precedente partita (Croazia-Danimarca), aveva ignorato per ben sei volte – una nei tempi supplementari (Schmeichel su Modric) e cinque nel corso dei rigori finali – il movimento dei portieri che hanno neutralizzato i tiri dal dischetto balzando fuori di almeno un metro prima che la palla fosse colpita. Sei gravi errori tecnici, premiati con la designazione per la finale! 

     Meno importanti ma utili comunque il fatto che un giocatore sostituito possa uscire dal campo da qualsiasi posizione (qualche secondo di tempo guadagnato) e la nuova disciplina dopo l’involontario tocco dell’arbitro: con interruzione del gioco e rimessa della palla a beneficio di chi ne era in possesso.

     Ignorata invece la necessità di semplificare i meccanismi del fuorigioco, che spesso richiedono sofisticati interventi del VAR per stabilire posizione valutabili in centimetri (ma come si fa a determinare che il fram video è quello che corrisponde esattamente al momento del tocco della palla da parte del compagno?).

    Tutto quel che si fa per eliminare gli errori è comunque sempre ben accetto.

    A nostro avviso però la FIFA (con la collaborazione dell’UEFA e delle altre federazioni continentali) dovrebbe finalmente prendere in considerazione altri due argomenti non meno importanti: la corrispondenza della chiusura delle liste di trasferimento con la data dell’inizio dei campionati nazionali (come fa la sola Inghilterra, e come aveva fatto l’Italia nella stagione scorsa, salvo poi a rimangiarsi una delle poche decisioni giuste che era riuscita a prendere). Costringere gli allenatori a lavorare con il mercato ancora aperto è un danno per tutti: tecnici, atleti, società.

     Altro argomento delicato è la posizione dei procuratori: consentire agli agenti di calciatori di agire anche come intermediari nei trasferimenti crea pasticci enormi e sospetti non infondati. L’interesse privato in certe trattative è fuori di dubbio. Dividere in due fasce non intersecantisi gli agenti di calciatori e gli intermediari per le trattative renderebbe tutto molto più trasparente. Ed il calcio più credibile.   

    Salvatore Lo Presti